ico_yt ico_yt ico_yt ico_yt
flag_ita
flag_uk

Una casa editrice con giardino.


In vetrina

Pavese - Inediti

CESARE PAVESE - Inediti

Nell’agosto del 1922 un Cesare Pavese non ancora quattordicenne trascorre dodici giorni di vacanza al mare in un campo scout e affida a questo diario — pubblicato da Galata una prima volta nel 2008 — il resoconto dettagliato della sua “avventura”: tracce del futuro scrittore che di lì a breve (a cominciare dal successivo 1923) impugnerà la penna per comporre le sue prime opere. Alla primavera dello stesso 1923 risale un poemetto finora inedito: Amore indiano, un “brufolo poetico” in terzine dantesche e di evidente ispirazione salgariana.. Si tratta di un ulteriore documento di quel convinto e assiduo tirocinio poetico, non sempre e non tutto riconducibile a un semplice apprendistato. Chiari i riferimenti autobiografici e l’influenza degli autori letti e studiati a scuola (Dante in primis) e non (Salgari per l’appunto).

Mariarosa Masoero è docente di Letteratura italiana presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino. Ha fondato e dirige una rivista di Letteratura italiana, “Levia Gravia”. È direttore del Centro Studi “Guido Gozzano – Cesare Pavese” (Università di Torino). Si è occupata di favole pastorali, di letteratura di viaggio, di letteratura femminile, di autori del Novecento (in particolare Guido Gozzano e Cesare Pavese); da alcuni anni si interessa della memorialistica della deportazione.

Felice Pozzo, classe 1945, è considerato fra i principali studiosi della vita e dell'opera di Emilio Salgari. Allo scrittore ha dedicato numerosi articoli, saggi, pubblicazioni, interventi a convegni, curatele di nuove edizioni e conferenze in Italia e all'Estero.

vai al libro
Acquista on-line
Copertina De Andre' è solo ROSSOBLU'

FABER È SOLO ROSSOBLU

Il libro del De André genoano

Il Fabrizio più autentico, più genovese, più viscerale ricordato per la prima volta - autorevolmente e amorevolmente - da quanti lo conoscevano bene.
Tanti gli aneddoti, numerosi gli inediti (a cominciare dall'immagine di copertina, con Faber e quella sciarpa che ha voluto con sé per sempre...) raccontati in un libro denso e intenso che, da buon genovese, banda alle ciance e concentra in un volume tascabile un'infinità di notizie e particolari.

Ma non basta: la copertina del libro si anima grazie a un'applicazione (Layar) scaricabile gratis su cellulari, tablet, ipad. Layar fa partire un video con la gradinata Nord che canta Creuza de ma quella canzone d'amore che Faber non scrisse e che il popolo rossoblù ha eletto a inno.


Faber rossoblù è raccontato da Fabrizio Càlzia e Laura Monferdini. Il primo ha il Genoa nel sangue e Faber nel DNA, tanto da aver dedicato ai rossoblù numerosi libri e a De André il racconto a fumetti "Uomo Faber"; la seconda è tifosa rossoblù fin dalla culla e profonda conoscitrice del Cantautore, al punto da risultare da anni la vera anima del negozio-museo al 29 rosso di via del Campo.

vai al libro

Fabrizio Càlzia – Laura Monferdini
Faber è solo rossoblù
96 pagine di cui 16 a colori - Formato 12x17 cm - Euro 4,90
ISBN 978 – 88 – 95369 – 38 - 9

Vai alla pagina su FB
Acquista on-line